11/27/2015

Laura Pausini - Simili

Sono scappata via quando mi sono vista dentro a un labirinto
senza decidere.
Ospite in casa mia, con sillabe d’amore tutte al pavimento
come la polvere.
Ma arrivi tu, che parli piano
e chiedi scusa se ci assomigliamo.
arrivi tu, da che pianeta
occhi sereni anima complicata, anima complicata.
Io così simile a te
a trasformare il suono della rabbia
io così simile a te, un bacio in fronte e dopo sulle labbra
la meraviglia di essere simili
la tenerezza di essere simili
la protezione tra esseri simili.
Non mi domando più, se ci sarà qualcuno a tendere la rete
pronto a soccorrere.
Me lo ricordi tu, chi vola impara a sfottere le sue cadute
come a difenderle.
E così fai tu e nascondi piano
la tosse e il cuore nella stessa mano
arrivi tu, che sai chi sono.
Io così simile a te
a trasformare il suono della rabbia
io così simile a te, un bacio in fronte e dopo sulle labbra
la meraviglia di essere simili
la tenerezza di essere simili.
Arrivi tu, che fai passare, la paura di precipitare.
Io così simile a te, liberi e prigionieri della stessa gabbia
io così simile a te, un bacio in fronte e dopo sulle labbra
la meraviglia di essere simili
la tenerezza di essere simili
la commozione per essere simili.

0 commenti:

Posta un commento

Post più popolari

MuSiC

MuSiC

La Musica Suona Sempre

La Musica Suona Sempre